Laparocele o ernia incisionale e Lombocele

Posizione laparocele

Il laparocele o ernia incisionale rappresenta una varietà di ernia della parete addominale che insorge in sede di ferite conseguenti a precedenti interventi chirurgici addominali (sia realizzati con incisioni che eseguiti con tecnica laparoscopica) e costituisce un’evenienza tutt’altro  che infrequente. E’ costituito  quindi, dalla fuoriuscita di visceri addominali attraverso una breccia muscolo-aponeurotica della parete addominale, in corrispondenza di una precedente incisione chirurgica.

La sua sede di insorgenza può variare a seconda della sede del pregresso intervento e determina disturbi locali e generali, tanto più marcati quanto più cospicuo sono le sue dimensioni e quanto più tempo passa dalla sua insorgenza . Infatti se di piccole dimensioni, i sintomi riferiti dal paziente possono limitarsi al fastidio locale, dolore e  minime limitazioni nell’esecuzioni delle attività che implicano uno sforzo fisico maggiore, nonché a problemi di natura estetica. Viceversa, se si lascia passare troppo tempo, le complicanze locali possono arrivare ad ulcerazioni della pelle, e le complicanze interne possono portare a difficoltà dell'evacuazione con stitichezza e a volte occlusione intestinale.

Il lombocele

Il lombocele è una estroflessione del fianco che è dovuta o a una pregressa incisione laterale sul fianco o a un trauma subito che ha portato ad una denervazione dei muscoli laterali causando un vero e proprio sfiancamento. Tale patologia va incontro a una progessione inevitabile che può portare a una alterazione della postura e quindi a problemi della colonna vertebrale e della deambulazione.

Il laparolombocele iliaco

Un'altra situazione estremamente complessa è quando si crea una estroflessione dopo un intervento chirurgico realizzato con un'incisione pararettale o inguinale, per esempio dopo un intervento per appendicite acuta. Tale tipo di laparocele ha una anatomia chirurgica estremamente complessa e quindi la sua riparazione deve prevedere una grande esperienza specifica. 

 

Laparoceli di grandi dimensioni: conseguenze

Laparocele di grandi dimensioni hanno conseguenze che possono riguardare alterazioni locali della parete addominale nei quadranti interessati dalla tumefazione erniaria, dove la cute sovrastante può diventa assottigliata ed ulcerarsi fino a creare delle soluzioni di continuo con l’intestino che è erniato ovvero divenire sede di infezioni di diversa gravità.

Immagine 1

Immagine 1

Laparocele di grande dimansione dovuto a precedente intervento
Immagine 2

Immagine 2

Laparocele con ulcera

Altro tipo di disturbi riguardano la compromissione delle condizioni generali del paziente che ne è affetto. Infatti nei casi di voluminosi laparoceli,  la fuoriuscita del contenuto intestinale attraverso la porta erniaria, crea una condizione tale da non consentirne più la riduzione all’interno della cavità addominale e determinando così degli squilibri respiratori e cardiocircolatori che possono divenire molto gravi. Inoltre talvolta la dimensione e il peso del laparocele possono portare a incurvamenti della colonna vertebrale con dolori importanti alla schiena.

Altre complicanze sono quelle comuni a tutta la patologia erniaria della parete addominale, cioè l’incarceramento  e quindi una sua irriducibilità  all’interno della cavità addominale con conseguente   blocco del transito intestinale o lo strozzamento dei visceri erniati. Entrambe le situazioni possono portare alla necessità di effettuare un intervento chirurgico urgente, gravato quindi da maggiori rischi per la vita del paziente.

Tali situazioni andrebbero quindi prevenute, effettuando se possibile una visita chirurgica quando la tumefazione erniaria notata dal paziente in sede di pregresse incisioni chirurgiche è di piccole dimensioni e/o i disturbi sono di lieve entità. La visita consentirà infatti di valutare l’entità del problema e di effettuare eventuali esami radiologici per approfondire la diagnosi (Ecografia addominale, TC addominale).

Terapie e approccio chirurgico laparocele e lombocele

La terapia del laparocele è costituita esclusivamente dall’intervento chirurgico che sarà quindi indicato nei casi di piccoli laparocele ma causanti disturbi locali , quali il dolore,  o nei casi di laparoceli di grandi dimensioni, onde prevenire le complicanze sopraelencate.
Tale intervento consisterà nel riposizionamento dei visceri erniari all’interno della cavità addominale e nella riparazione della parete addominale tramite l’utilizzo di reti o protesi di materiali e fogge diverse a seconda del caso, ed anche il metodo di fissaggio delle protesi varierà in base alle necessità individuali, potendo essere usanti punti o colle.

approccio di tipo “open”: utilizzato nei casi di voluminosi laparoceli, si accede attraverso un’incisione della parete addominale che in linea di massima è la stessa già presente --> Vedi video

Immagine 1

Immagine 1

Voluminoso laparocele immagine intraoperatoria
Immagine 2

Immagine 2

Riparazione con protesi di voluminoso laparocele

approccio laparoscopico, quindi tramite la realizzazione di piccoli  orifizi, riservato a casi ben selezionati di laparocele, cioè di piccole o medie dimensioni, senza complicanze associate e in presenza di un certo grado di integrità della parete addominale. --> Vedi video

approccio robotico, quindi con l'utilizzo della laparoscopia e l'utilizzo della tecnologia robotica. Tale possibilità risulta molto utile per esempio nella riparazione di alcuni lomboceli o laparolomboceli iliaci dove è possibile eseguire il posizionamento di una protesi  non all'interno di una cavità addominale (quindi come nella tecnica open), ma con le mini incisioni laparoscopiche.

A volte i soggetti con voluminoso laparocele presentano anche una abbondante quantità di tessuto adiposo addominale, con una cute sovrastante particolarmente alterata dalla compressione  dei visceri erniari. In tale caso è possibile effettuare durante l’intervento di riparazione del laparocele anche un intervento di asportazione di questo lembo adiposo e cutaneo addominale, spesso eseguito con l’ausilio del chirurgo plastico (addominoplastica o dermolipectomia così come nel floppy abdomen post-partum).

corriere laparocele

Clicca sull'immagine per visualizzare il video

Postoperatorio laparocele

Il periodo immediatamente successivo alla riparazione di laparocele è caratterizzato da almeno qualche giorno di riposo e dall'astensione dall'attività sportiva per almeno 15 giorni. Il risultato in termini estetici è a volte entusiasmante. Non dobbiamo dimenticare però che l'intervento chirurgico di riparazione di laparocele, ernia incisionale e lombocele è un intervento di chirurgia maggiore, e a parte alcuni casi fortunati di piccoli laparoceli trattabili per via laparoscopica, tali interventi prevedono almeno due o tre giorni di ricovero , e di attento monitoraggio di tutti i parametri.

 

Vai alla case history

Stampa Email